CHI SIAMO

La Zèrla, società cooperativa di Tipo A e B, è operativa dal luglio 2000 per volontà della Consulta del Volontariato di Mirandola, resa operativa dalle Associazioni Noi per loro”, Associazione genitori con figli con handicap, Mirandola; Hesed” Associazione per gli affidi famigliari, Mirandola; “Porta Aperta” Centro di ascolto e di prima accoglienza, Mirandola; CEIS” Centro Italiano di Solidarietà, Modena.

La Zerla si occupa da 16 anni di socializzazione e formazione al lavoro per persone con disabilità e/o svantaggio psichico e sociale, provenienti dal territorio dell'Unione Comuni Area Nord di Mirandola.
Lo facciamo lavorando insieme, volontari ed educatori professionali, arricchendo quotidianamente la nostra proposta di valori e contenuti che da sempre caratterizzano il mondo della cooperazione e delle cooperative sociali in particolare, a cominciare dalla solidarietà e dall'essere vicini ai bisogni dei più deboli.

Dalla sua fondazione sono state oltre 350 le persone che, a vario titolo, supportate dal sistema aziendale della cooperativa “La Zerla”, hanno partecipato a percorsi di socializzazione, di formazione e di inserimento al lavoro.

E’ aderente alle centrali di rappresentanza datoriale Legacoop e Confcooperative di Modena, settore Cooperative Onluss.

LA MISSION

Il lavoro.

Il lavoro come realizzazione dei propri desideri e dei propri bisogni. Il lavoro come diritto e dovere. Per tutti, e per la persona svantaggiata, in particolare.

Con questo obiettivo ogni anno vengono attivati specifici percorsi e differenziate azioni di sostegno rivolti alle persone svantaggiate in situazione di difficoltà e di fragilità sociale.

Il lavoro come imprescindibile punto di partenza per un percorso di crescita umana e di riabilitazione sociale.

L’“ambiente formativo” de “La Zèrla” si ispira a questi valori, alla crescita dell’autonomia di chi si misura quotidianamente con le proprie disabilità, allo sviluppo delle loro abilità operative, e al mantenimento del loro benessere psichico.

Il tutto, in stretto rapporto con il territorio, con le sue espressioni istituzionali, a cominciare dai Comuni e l'AUSL; con le realtà associazionistiche del mondo del volontariato, e con le diverse configurazioni economiche e delle imprese.